Dialogo è accettare l'altro come è e come egli stesso si definisce e si presenta a noi, di non cessare di essere se stessi mentre ci si confronta con il diverso, di essere consapevoli che la nostra identità esce arricchita e non sminuita da chi di questa identità non accetta alcuni elementi, magari anche quelli che noi riteniamo fondamentali. La riconciliazione è possibile, tra i cristiani e nella compagnia degli uomini. (Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose)


Taglio del nastro a Shanghai per la mostra su Padre Matteo Ricci

Astronomicum cesareum in mostra a ShanghaiTaglio del nastro venerdì 2 aprile allo Shanghai Museum di Shanghai per la mostra Matteo Ricci. Incontro di civiltà nella Cina dei Ming"organizzata dalla Regione Marche e dal Comitato nell'ambito delle celebrazioni per il IV centenario di Padre Matteo Ricci e curata dal prof Filippo Mignini dell'Istituto per le relazioni con l'Oriente di Macerata.

"L'accoglienza ricevuta in Cina gia` in occasione della mostra di Pechino, dimostra che la figura di padre Matteo Ricci appartiene al mondo e che il suo messaggio di pace e` ancora oggi di grandissima attualita`" ha affermato il presidente della Regione Giammario Spacca durante la cerimonia, cui hanno partecipato le autorità e rappresentanti del governo cinese. "Grazie proprio alla sua lezione in tema di diplomazia, siamo riusciti a stabilire un solido rapporto di amicizia tra le Marche e la Cina, potenza economica mondiale in grande crescita e mercato strategico per le nostre imprese. La serie di mostre che stiamo realizzando in Cina ci offre anche l'opportunita` di presentare un vetrina delle eccellenze marchigiane e di avviare e rafforzare relazioni economiche tra le nostre imprese e quelle cinesi. L'evento di Shanghai assume proprio in questo senso un rilievo ancora piu` significativo" ha aggiunto il governatore.

La tappa della mostra itinerante su Padre Matteo Ricci coincide infatti con l'apertura al pubblico dell'Expo universale, nel quale la Regione Marche presentera` le proprie eccellenze

La seconda tappa del 'tour' cinese della mostra sarà fino al 23 maggio allo Shanghai Museum, una delle piu` importanti sedi museali della Cina, conosciuta in tutto il mondo per l'intensa attivita` di interscambio culturale con le piu` prestigiose istituzioni internazionali. Il Museo, dedicato all' Arte Antica Cinese, raccoglie infatti una collezione di ben 120.000 opere d'arte e manufatti antichi della millenaria civilta` della Terra di Mezzo e possiede una delle piu` ricche collezioni di bronzi, ceramiche, pittura e calligrafia. La nuova sede, inaugurata il 12 ottobre del 1996, conta 11 gallerie d'arte e 3 speciali sale espositive per mostre temporanee. La terza tappa e` prevista a Nanchino dal 4 giugno al 25 luglio.


Fonte:

Padre Matteo Ricci

3 aprile 2010