Dialogo è accettare l'altro come è e come egli stesso si definisce e si presenta a noi, di non cessare di essere se stessi mentre ci si confronta con il diverso, di essere consapevoli che la nostra identità esce arricchita e non sminuita da chi di questa identità non accetta alcuni elementi, magari anche quelli che noi riteniamo fondamentali. La riconciliazione è possibile, tra i cristiani e nella compagnia degli uomini. (Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose)


Celebrazioni IV Centenario della morte di Padre Matteo Ricci

Il presidente Spacca: “E’ un’occasione storica per sviluppare i rapporti culturali ed economici con la Cina”

Le celebrazioni del IV centenario della morte di Padre Matteo Ricci costituiscono un'occasione storica non solo per valorizzare la conoscenza sul piano storiografico e scientifico della figura e dell'opera del grande Maceratese, precursore del dialogo tra Oriente e Occidente, e sviluppare i legami culturali e il rapporto di amicizia con la Cina, ma anche per approfondire le relazioni economiche e gli scambi commerciali tra le Marche e l'Oriente. Un impegno che vogliamo continuare a svolgere, raccogliendo idealmente la sua eredita`'. Questi, secondo il presidente della Giunta regionale Gian Mario Spacca, gli obiettivi principali da perseguire con il programma delle manifestazioni in onore del gesuita maceratese.
Un programma ricco di iniziative che offre interessanti spunti di riflessione sul tema, attualissimo in tempi di globalizzazione, del superamento delle barriere culturali e religiose tra i popoli e dell'incontro tra civilta` diverse in cui Ricci e` stato un geniale maestro. Una delle principali iniziative del programma delle celebrazioni e` la grande mostra 'Padre Matteo Ricci. L'Europa alla Corte dei Ming', che sara` allestita a Pechino all'interno della Citta` Proibita tra l'autunno 2009 e la primavera del 2010, e successivamente trasferita a Shangai, Roma e Macerata (2010-2011). L'esposizione consentira` di far conoscere al grande pubblico la figura e l'opera di Ricci, dalla sua formazione fino all'incontro con 'l'altro mondo' della Cina. Da segnalare anche la pubblicazione in lingua italiana e inglese dell'opera omnia di Ricci, in tutto 11 volumi, la realizzazione nell'ambito delle celebrazioni per il 150 anniversario dell'Unita` d'Italia, della sede dell'Istituto nazionale per le relazioni con l'Oriente, per il quale sono stati stanziati 7 milioni di euro.

Da ricordare, infine, l'invito di Spacca al Presidente della Repubblica Popolare Cinese a recarsi nelle Marche in occasione della sua visita ufficiale in programma per il prossimo anno. Intanto proseguono i lavori del Comitato promotore delle celebrazioni per il IV centenario della morte di Padre Matteo Ricci (1610-2010), presieduto dall'on.le Adriano Ciaffi e composto da Comune di Macerata, Provincia di Macerata, Regione Marche, Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia, Camera di Commercio di Macerata, Universita` degli Studi di Macerata.

Il Comitato, che tornera` a riunirsi il prossimo 3 ottobre, deve curare il buon esito delle domande presentate dagli enti alla Consulta presso il ministero per i Beni e le attivita` culturali; approvare il programma delle iniziative che si terranno nel triennio 2008-2010; gestire, nell'ambito delle risorse disponibili, la fase preparatoria e le attivita` locali utilizzando i finanziamenti nazionali (presumibilmente 1.050.000,00 euro), regionali, provinciali e comunali. Centro decisionale e` l'Assemblea degli enti aderenti, composta dal rappresentante di ciascun ente o da un suo delegato che, a sua volta, eleggera` il presidente. Il Comitato ha sede presso il Comune di Macerata e si avvale, per lo svolgimento dei suo compiti istituzionali, delle risorse umane e delle strutture operative dell'amministrazione comunale.


Fonte:

Regione Marche

30 settembre 2009