Dialogo è accettare l'altro come è e come egli stesso si definisce e si presenta a noi, di non cessare di essere se stessi mentre ci si confronta con il diverso, di essere consapevoli che la nostra identità esce arricchita e non sminuita da chi di questa identità non accetta alcuni elementi, magari anche quelli che noi riteniamo fondamentali. La riconciliazione è possibile, tra i cristiani e nella compagnia degli uomini. (Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose)


Serata di gala al teatro Lauro Rossi di Macerata dedicata a Padre Matteo Ricci per il quarto centenario dalla morte

L'evento unico, con testi ricciani, musica e visita virtuale alla mostra di Shanghai sarà trasmesso in diretta sul canale satellitare SKY891 e nel sito delle celebrazioni ricciane

Sarà trasmessa in diretta, in esclusiva E'Tv Marche, sul canale satellitare Sky891 (in chiaro nelle Marche) e via streaming nel sito delle celebrazioni ricciane www.padrematteoricci.it l'intera serata di gala "Con Matteo Ricci. Memoria e identità" che si terrà domani,martedì 11 maggio, a partire alle 21,15, al teatro Lauro Rossi di Macerata in onore del grande gesuita maceratese nel 4° centenario dalla morte, avvenuta l'11 maggio 1610.

Si tratta di un evento unico di elevato contenuto storico-artistico promosso dal Comitato Celebrazioni Ricciane e dall'Istituto Matteo Ricci per le relazioni con l'Oriente nell'ambito degli eventi con cui Macerata rendera onore domani 11 maggio al suo illustre figlio. I testi ricciani scelti e adattati da Filippo Mignini saranno proposti dalle voci di Lucia Ferrati e Piergiorgio Pietroni, le musiche di Victoria, Arcadelt, Orlando di Lasso e Palestrina eseguite al clavicembalo da Marco Mencoboni, soprano Pamela Lucciarini. Regia di Allì Caracciolo.
Durante la serata sarà possibile immergersi in una visita virtuale della mostra "Matteo Ricci. Incontro di civiltà nella Cina dei Ming", organizzata dalla Regione Marche e dal Comitato per il Centenario Ricciano, attualmente in corso presso lo Shanghai Museum. Un collegamento virtuale che idealmente vuole sottolineare ancora una volta l'impresa straordinaria di Padre Matteo Ricci che è riuscito a gettare un ponte, per l'integrazione religiosa e culturale, fra Oriente e Occidente