Dialogo è accettare l'altro come è e come egli stesso si definisce e si presenta a noi, di non cessare di essere se stessi mentre ci si confronta con il diverso, di essere consapevoli che la nostra identità esce arricchita e non sminuita da chi di questa identità non accetta alcuni elementi, magari anche quelli che noi riteniamo fondamentali. La riconciliazione è possibile, tra i cristiani e nella compagnia degli uomini. (Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose)


Macerata onora Padre Matteo Ricci nel giorno del quarto centenario della morte

Domani 11 maggio 2010 nel giorno del quarto centenario della morte di padre Matteo Ricci tante iniziative renderanno omaggio nel mondo al grande gesuita maceratese che aprì la strada del dialogo tra l’Oriente ed Occidente. Anche Macerata, la sua città natale, onorerà in maniera solenne la figura di questo uomo straordinario, annoverato tra le cento persone più importanti del passato millennio, con eventi promossi dal Comitato Celebrazioni Ricciane, Comune, Diocesi e Istituto Ricci.

Alle ore 16,30 in Municipio si terrà una cerimonia solenne alla presenza delle autorità civili e religiose, che sarà aperta con il discorso ufficiale del sindaco Romano Carancini: l’omaggio della città al suo più illustre figlio. L’evento sarà trasmetto in diretta web nel sito delle celebrazioni Ricciane www.padrematteoricci.it. Subito dopo nell’Auditorium di San Paolo per la deposizione della corona sulla lapide che riproduce fedelmente l’epigrafe della tomba di padre Matteo Ricci custodita nel cimitero di Zhalan a Pechino.

Alle 18.30 nella Cattedrale di San Giuliano, sarà celebrata la Messa solenne officiata dal cardinale Joseph Zen Ze-kiun (nella foto), Arcivescovo emerito di Hong Kong.

Alle ore 21,15 una serata di gala “Matteo Ricci. Memoria ed identità” si terrà al Teatro Lauro Rossi e in diretta sarà trasmessa su SKY (canale 891) e nel sito delle celebrazioni ricciane www.padrematteoricci.it.

Si tratta di un evento unico, con lettura di testi dricciani scelti e adattati da Filippo Mignini, direttore dell’Istituto Matteo Ricci per le relazioni con l’Oriente, musiche eseguite al clavicembalo antico da Marco Mencoboni, soprano Pamela Lucciarini, voci recitanti Lucia Ferrati e Piergiorgio Pietroni, per la regia di Allì Caracciolo. (vedi comunicato n.2)

Gli eventi che si terranno domani a Macerata saranno uniti idealmente a quelli che si svolgono nello stesso giorno a Pechino. Il ponte tra Macerata e la Cina, tra l’Oriente e l’Occidente tracciato da Matteo Ricci unisce ancora oggi i due mondi nel segno dell’amicizia. Nel Beijing Administrative College di Pechino si terrà un Simposio internazionale incentrato sulla figura del gesuita, una messa sarà poi officiata dal vescovo di Pechino nella Cattedrale del Sud, dove nel 1605 Ricci fece costruire una piccola cappella. Una cerimonia di omaggio alla tomba di Matteo Ricci si terrà alla presenza dell’ambasciatore italiano a Pechino Riccardo Sessa e dei delegati internazionali presenti al Simposio. Durante la serata il pubblico maceratese saranno proposte le immagini e sarà accompagnato ad una visita virtuale della mostra “Matteo Ricci. Incontro di civiltà nella Cina dei Ming”, una delle iniziative promosse dal Comitato e dalla Regione Marche per il centenario ricciano, attualmente in corso a Shanghai presso lo Shanghai Museum. L’ingresso al Teatro Lauro Rossi sarà gratuito, ma è richiesta la prenotazione alla biglietteria 0733230735, mail boxoffice@sferisterio.it.


Fonte:

Cronache Maceratesi

10 maggio 2010