Dialogo è accettare l'altro come è e come egli stesso si definisce e si presenta a noi, di non cessare di essere se stessi mentre ci si confronta con il diverso, di essere consapevoli che la nostra identità esce arricchita e non sminuita da chi di questa identità non accetta alcuni elementi, magari anche quelli che noi riteniamo fondamentali. La riconciliazione è possibile, tra i cristiani e nella compagnia degli uomini. (Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose)


Internazionale – Sindrome da Congresso

di Traduzione di Lucia De Carlo

L'ansia per la buona riuscita del XVIII Congresso del Partito comunista cinese, che si è aperto l'8 novembre, ha innescato un meccanismo di tutela e controlli esasperati a Pechino e in tutto il paese. La prima parte dell'editoriale di Isunaffairs del 10 ottobre 2012.

Il 29 settembre 2012 la polizia ha fatto un'irruzione e "ha arrestato" Zhang Yumin. La donna viveva in un piccolo albergo a Taoranting, un quartiere di Pechino, ma quella stessa notte venti poliziotti l'hanno scortata fino al suo paese d'origine: la città di Wulan nella prefettura di Xing'anmeng, in Mongolia interna. Dopo la demolizione forzata dell'edificio di oltre 500 metri quadri in cui lavorava , Zhang Yumin è abituata a tali esperienze: recarsi a Pechino a presentare petizioni, non trovare il posto dove appellarsi e - in occasione di festività importanti - essere riportata a casa da funzionari giunti a Pechino direttamente dal paese d'origine. Ma questa volta, a differenza di quanto accadeva prima, non le è stato permesso di tornare a casa una volta tornata in Mongolia interna. La polizia l'ha portata in un albergo di Xing'anmeng, la foresteria 628 dell'esercito, e poi in altri due luoghi di custodia. È stata guardata a turno dai funzionari di pubblica sicurezza del tribunale, dell'Ufficio del Comitato di quartiere, dell'Ufficio delle imposte sugli immobili, e dai quadri di altre cinque o sei Unità di lavoro. Tutto ciò è durato fino all'8 ottobre, quando Zhang Yumin non trattenendosi più ha chiesto alle guardie: “la festa di mezzo autunno e la festa della Repubblica sono passate. Posso tornare a casa?” Esitando, una guardia le ha risposto: “non ancora, la custodia continua fino alla fine del Congresso”. Solo allora Zhang Yumin ha capito di essere dentro una "battaglia" più assurda di quella [che si combatte] tra petizionisti e chi li intercetta: "la difesa del Congresso". In questa battaglia “in difesa”, Zhang Yumin è alla stregua degli strati più bassi della popolazione, degli attivisti della rete, degli intellettuali disobbedienti e delle misteriose forze straniere. Il Partito-Stato è teso per l'Assemblea, quindi tutti sono nemici.

La patologia innescata dalla guida del Congresso. Il nome completo del Congresso è XVIII Congresso Nazionale del Partito comunista cinese. Nel corso dell'Assemblea, verranno scelti i nuovi membri del Comitato centrale del Partito comunista. Questi a loro volta sceglieranno la composizione del Politburo, del Comitato permanente del Politburo e il nuovo segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista che, secondo la prassi, diventerà presidente della repubblica, assumendo tutti i poteri politici, militari e interni al Partito. Questo è il senso del Congresso. Ma tutti hanno chiaro il suo significato reale. La dirigenza del Partito comunista sta portando avanti una feroce lotta per occupare le massime posizioni di potere del Partito-Stato. A parte il consolidamento del principe assoluto Xi Jinping, si tratta di una lotta all'ultimo sangue tra i membri del comitato permanente del Politburo in quanto "gruppo di leader"- Saranno sette o nove? Chi sale? Chi scende? A piazza Tian'anmen sono state allestite le decorazioni floreali più imponenti della storia. Per strada la televisione nazionale Cctv chiede a cittadini perplessi: "Siete felici?". Il falso spettacolo di pace e prosperità appare ridicolo. La verità è nota: tutti gli occhi sono puntati sulla lotta per il potere che si svolge all'interno della scatola nera. Alcuni sono in un'attesa fervente con lacrime calde agli occhi. Hanno aspettato dal XII al XVIII Congresso, senza mettere da parte le richieste di democrazia, né l'illusione di un partito politico che capace di rinnovarsi. I leader cambiano da un'Assemblea all'altra, anche questa si chiuderà senza che venga approvata nessuna riforma. Potrebbe mai essere diverso? Aspettiamo la fine del Congresso e ne riparliamo. Alcuni aspettano con ansia. I burocrati del Guangdong e di Shanghai alimentando le dicerie sussurrandosi alle orecchie: Wang Yang entrerà nel Politburo? Yu Zhengsheng salirà ai piani più alti?,. I funzionari di un sistema totalitario non possono non approvare un sistema e delle regole senza senso. Quello che devono calcolare bene è: i leader di oggi saranno quelli di domani? Quello che ho fatto oggi per lui avrà ancora un valore domani? Devo continuare a farlo? Aspettiamo la fine del Congresso e ne riparliamo. Alcuni sono in preda alla follia. Alla conferenza di Pubblica sicurezza Meng Jianzhu ha affermato che la "difesa del Congresso" deve procedere dall'alto al basso e va realizzata su ogni livello. Per tutelare l'attuale sistema autoritario, chi dipende dal potere devono "difenderlo fino alla morte"per sopravvivere. A prescindere dalla vittoria o dalla sconfitta delle fazioni . Altri hanno perso le speranze già da tempo, Zhang Yumin è uscita solo da un'oscura prigione per entrare in un'altra. Gli intellettuali si disperdono in esilio ovunque e gridano che le riforme sono già morte.

Ad alcuni non interessa la politica, ma la politica è interessata a loro. Un piccolo commerciante si è visto tornare indietro la merce spedita da Taobao: il XVIII Congresso è imminente, non si possono spedire liquidi; libri e periodici vanno ispezionati. Le regioni stanno lottando l'un l'altra per firmare la "dichiarazione di responsabilità per tutelare i canali di spedizione nel periodo del XVIII Congresso del Partito". I romanzi burocratici e i best seller sugli intrighi di palazzo sono nelle mani dei redattori delle case editrici in attesa di autorizzazione... Aspettate, basta aspettare la fine del XVIII Congresso. Hong Kong sta aspettando, Taiwan sta aspettando e gli stranieri stanno aspettando. Dobbiamo continuare a fare affari con Chongqing? Chengdu diventerà come Chongqing? Quale sarà la situazione politica nel Guangdong? Il capitale cerca la protezione delle autorità, ma non è dato sapere dove risiede tale autorità. Dove andrà la Cina? Aspettiamo la fine del Congresso e ne riparliamo. Chi è dentro la scatola è pazzo, chi è fuori è scioccato. È quella che viene chiamata sindrome del Congresso. Il Partito è lì. Guardalo!Le tue aspettative, le tue impressioni e le tue paure sono guidate dal Partito. Se non impazzisci, non sopravvivi.

Fascia rossa al braccio e videosorveglianza: precauzioni e difesa a oltranza. Il luogo cruciale per la difesa del Congresso è Pechino. Dopo la riunione di preparazione ai lavori di Beidaihe, pensata per tracciare la direzione del XVIII Congresso nazionale, il 15 agosto Pechino ha annunciato l'istituzione di una divisione per garantire la sicurezza del Congresso. Il capo del dipartimento di pubblica sicurezza Zheng Fuhua ne ha predisposto i lavori. Ogni quartiere della capitale ha delle specifiche priorità: controlli approfonditi sulla popolazione in transito e l'eliminazione dei “fenomeni sospetti”. Sono ricomparsi i nomi famigliari delle ronde di controllo “dai piedi fasciati" (pattuglie dell'ordine pubblico composte da anziane signore in pensione), delle "fasce rosse" e dei "volontari". Se ne vedono ovunque per le strade di Pechino, si dice che il loro numero si aggiri intorno ai 90mila. Dal 19 al 21 settembre, la polizia di Pechino ha inviato i funzionari di governo e i direttori delle stazioni di polizia di quartiere a ispezionare gli appartamenti in otto distretti del centro della città e in un centinaio di aree chiave intorno a Pechino, zone caratterizzate da una maggior concentrazione di popolazione migrante e di case in affitto. I proprietari di appartamenti in affitto sono stati avvisati dagli uffici di pubblica sicurezza che gli affittuari privi del permesso di residenza temporanea devono immediatamente lasciare la casa. "Chi affitta una casa a residenti privi di carta d'identità o a inquilini il cui nome, tipo o numero del documento d'identità non è a norma, deve pagare una multa che va dai duecentocinquanta ai cinquecento renminbi". "Chi affitta casa a forestieri privi del permesso di residenza temporanea, deve interrompere i rapporti di affitto, pena la confisca dell'immobile. Può inoltre essere multato per un valore che può raggiungere la cifra equivalente a cinque volte l'affitto mensile". I tassisti, le "finestre sulla capitale", hanno seguito dei corsi di formazione: "le videocamere all'interno delle vetture sono interconnesse, e trasmettono immediatamente al centro di sorveglianza." Il signor Zhao, tassista, ha detto che devono prestare particolare attenzione quando attraversano piazza Tian'anmen, per evitare che i passeggeri in vettura lancino fuori volantini. Il gruppo Yu Yang, una delle principali aziende di taxi di Pechino, ha fondato un gruppo per la difesa del Congresso nazionale, formulando un dettagliato programma di lavoro. Sebbene si tratti di autisti privati, sono stati comunque annessi al Dipartimento dei trasporti della Commissione del traffico e ad altri dipartimenti al fine di "dare il benvenuto a un Congresso sicuro."

Chi è il nemico? Fobie immaginarie. Il centro commerciale Yanghuatang di Wangfujing ha appeso lo slogan "vincere la battaglia a difesa del Congresso". A settembre le regioni dello Henan, della Mongolia interna, dello Zhejiang, dell'Anhui, dello Shanxi e le altre regioni autonome e municipalità hanno iniziato addestramenti militari su vasta scala. La polizia gridava lo slogan "difendere il Congresso fino alla morte". Numerosi commenti sono circolati in rete. Il netizen Zhuzhiyong scrive: "un'altra vittoria, un'altra battaglia di difesa. È da più di sessant'anni che governano il paese, perché sono così nervosi?" Wk_Zhu scrive: "Vedono il popolo come un nemico e discutono di come gestire il popolo. È un'Assemblea del Popolo in cui il popolo non c'è. L'internauta "A Ka is gemelli" risponde: "Vero! È il popolo è il nemico pubblico. Questo è il punto."

13/11/2012


Fonte:

China Files

22 aprile 2013